Senza-titolo-2

MAFIE, PARLAMENTO UE APPROVA DIRETTIVA CONFISCA. RITA BORSELLINO (S&D): BENE RIUSO SOCIALE BENI, MA UE DOVEVA E DEVE FARE DI PIU'

"L'approvazione della direttiva sulla confisca dei beni mafiosi rappresenta un passo importante nella lotta al crimine organizzato ma da sola non basta". Così Rita Borsellino, eurodeputato del gruppo S&D, commenta la direttiva sul congelamento e il sequestro dei beni di provenienza illecita approvata oggi a Strasburgo dal Parlamento Ue con 631 voti a favore, 19 contrari e 25 astenuti. "Se alcuni Stati membri fossero stati più coraggiosi e avessero creduto di più nell'Unione Europea - continua - oggi, sicuramente, avremmo avuto uno strumento di contrasto al crimine organizzato molto più efficace. Purtroppo si è deciso di non includere tra le norme minime comuni la confisca senza condanna in caso di morte dell'imputato, una fattispecie, presente nell'ordinamento italiano, che ha permesso di infliggere duri colpi alla criminalità organizzata". 

4 dicembre, a Bruxelles giornata dedicata ai giudici Falcone e Borsellino

La locandina del film di Pierfrancesco Li Donni "Sempre vivi"In programma proiezioni video, dibattiti, premiazione scuole vincitrici del primo concorso del ‘Centro studi Paolo Borsellino’ e inaugurazione mostra fotografica su ‘Falcone e Borsellino: vent’anni dopo’ a cura dell’Ansa

Il prossimo 4 dicembre 2013 sarà una giornata interamente dedicata alla legalità a Bruxelles; dalla intitolazione dell’aula della Commissione ai giudici Falcone e Borsellino alla proiezioni di video, documentari, contributi e dibattiti e mostra fotografica. “Quella di intitolare un’aula della Commissione a Falcone e Borsellino è un omaggio importantissimo alla memoria non solo di Giovanni e Paolo, ma di tutte le vittime delle mafie”, dice Rita Borsellino, deputato del gruppo S&D al Parlamento europeo, che aggiunge: “Questa decisione testimonia anche la presa di coscienza dell’Ue nei confronti di un fenomeno, quello delle mafie,  che per troppo tempo è stato considerato alla stregua di un problema locale e che, invece, ha una dimensione transnazionale”.